Blog

Proposte di modifiche all’ H-1B per semplificare il processo di applicazione

Per gli stranieri che desiderano lavorare negli Stati Uniti il ​​visto H-1B è stato estremamente popolare. L’H-1B concede al beneficiario 3 anni di lavoro negli Stati Uniti e può essere esteso per altri 3 anni. Tuttavia, la vera attrazione per il visto H-1B è che permette facilmente ai titolari di applicare per la carta verde.

Attualmente la lotteria H-1B è composta da 2 gruppi. Il primo è per 65.000 persone ed è aperto a tutti coloro in possesso di una laurea ottenuta all’estero. Il secondo gruppo è per 20.000 persone ed e’ riservato a coloro che possiedono un master o un diploma di livello superiore ottenuto negli Stati Uniti.

I cambiamenti proposti darebbero la precedenza ai candidati con un master o un diploma di livello superiore ottenuto negli Stati Uniti. Secondo questa proposta di legge, i titolari di un diploma di livello superiore ottenuto negli Stati Uniti sarebbero infatti inclusi nel gruppo iniziale di 65.000 posti, scartando tutti i candidati che non hanno una laurea specialistica negli Stati Uniti. I candidati senza un diploma avanzato saranno scelti per gli ultimi 20.000 visti. Si prevede di aumentare il numero di possessori di H-1B con diploma avanzato del 16%.

Inoltre, l’attuale processo H-1B richiede che ciascun richiedente presenti una domanda completa all’USCIS. Dalle applicazioni completamente completate vengono quindi selezionati i candidati per un H-1B. Nel tentativo di salvare sia il richiedente che il governo, sono state proposte modifiche ai soldi per modificare il modo in cui le persone fanno domanda per H-1B. La proposta include piani per rendere il sistema più accessibile spostando il processo di registrazione online. Con questo nuovo sistema, i candidati creeranno un account online e, una volta selezionati, completeranno le loro applicazioni. Ciò farebbe risparmiare molto tempo e denaro per potenziali candidati H-1B e USCIS in quanto solo quelli selezionati per un H-1B dovrebbero presentare una domanda completa. Contatta un avvocato italiano dello studio legale SAPG per valutare se il visto H-1B e’ la migliore opzione per te.

Il visto H-1B è sempre stato popolare grazie al suo potenziale di portare ad una carta verde. Le modifiche proposte hanno lo scopo di dare la priorità ai richiedenti con livelli più alti di istruzione e ridurre i costi sostenuti dai richiedenti e dall’ USCIS allo stesso modo.

Contatta un avvocato italiano dello sudio legale SAPG Legal per aiutarti a navigare attraverso il processo di richiesta del visto e la tua entrata negli Stati Uniti.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci