Blog

Ottenere la Green Card Attravero Il Visto L-1

I visti L-1 hanno molti vantaggi, uno dei quali è il fatto che offrono un percorso verso la Carta Verde.
Ci sono due tipi di visti L-1, e specificatamente L-1A e L-1B. Il visto L-1A e’ per dirigenti o manager mentre il visto L-1B e’ diretto a professionisti con conoscenze specialistiche. Entrambi i tipi di visti consentiranno alla tua società sponsorizzatrice di presentare una petizione per ricevere una Carta Verde. Tuttavia, uno dei vantaggi aggiuntivi di avere un L-1A rispetto ad un L-1B è che si può ottenere un L-1A per un totale di 7 anni, superando cosi il limite di 5 anni che ha un L-1B. Avere un L-1A potrebbe darti più tempo per stabilire la tua azienda in modo tale da qualificarsi per presentare una petizione per tuo conto.

Uno degli altri vantaggi è che attraverso il visto L-1A il processo della Carta Verde è più breve perché la società sponsorizzata deve solo presentare una petizione di immigrato (I-140) e quindi è possibile regolare lo stato una volta che è stato approvato. Tuttavia, tramite il visto L-1B, è necessario prima passare attraverso il processo PERM, quindi archiviare l’I-140 e infine la regolazione dello stato.

Nel complesso, entrambi i visti di categoria L-1 offrono una grande opportunità di ottenere la Carta Verde a seconda delle circostanze e delle qualifiche che dovrebbero essere discusse con un avvocato esperto d’immigrazione. Contatta un avvocato italiano dello studio SAPG Legal per saperne di piu’.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci