Blog

Come e quando iscriversi all’AIRE

Bandiera Italiana in piazza

Iscriversi all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) è un obbligo prescritto dalla legge istitutiva dell’AIRE (legge 27 ottobre 1988, n. 470). Ciò significa che l’iscrizione è sia un tuo diritto che un tuo dovere. In due casi sei obbligato a iscriverti all’AIRE: se ti trasferisci all’estero per un periodo superiore ai 12 mesi o se già ci risiedi perché sei nato all’estero o perché hai acquisito la cittadinanza italiana. Per chi non si iscrive all’AIRE non sono previste sanzioni, ma il rischio e’ che tu venga cancellato dall’anagrafe del tuo ultimo comune di residenza in Italia per irreperibilita’.

Come bisogna iscriversi? Entro 90 giorni dal tuo trasferimento dovresti richiedere l’iscrizione all’AIRE presso l’ufficio consolare competente per la zona in cui ti trovi. Per iscriversi occorre il modulo di richiesta firmato e datato, la fotocopia dei documenti d’identità italiani e la prova di residenza nella circoscrizione della Cancelleria Consolare.

Iscrivendoti acquisti una serie di diritti, come ad esempio l’esercizio del voto all’estero, la possibilita’ di rinnovare il passaporto, patente o carta d’identita’ presso le rappresentanze consolari e la possibilita’ di richiedere alcuni certificati (atti di nascita, atto di matrimonio etc) presso le sedi consolari, senza dover rientrare necessariamente in Italia.

Si perdono pero’ alcuni diritti. Primo fra tutti, il diritto all’assistenza sanitaria nazionale. Non si perde pero’ il diritto all’assistenza sanitaria urgente, se si rientra per un periodo massimo di 90 giorni. Non si perde inoltre il diritto alla Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), che garantisce assistenza sanitaria negli Stati membri della Comunità Europea.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci