Blog

VALUTAZIONE PRE MONEY E POST-MONEY PER LE START UP

Quando si è alla ricerca di investitori per una start-up è molto importante addivenire ad una corretta valutazione della stessa.

Il valore attribuito all’impresa, infatti, determina il successo delle trattative in merito all’investimento, perché spesso le aspettative degli startupper differiscono dai propositi dei finanziatori.

Esistono generalmente due tipi di valutazione: quella pre-money, che riguarda la fase precedente all’iniezione di nuovi capitali, e la valutazione post-money, che evidenzia il valore della start-up a seguito di un dato aumento di capitale.

Risulta logico dedurre che la valutazione pre-money è quella che determina il successo sul mercato degli investitori. È necessario, quindi, che sia coerente ed equilibrata.

Tale valutazione è basata su diversi parametri tra cui:

  1. multipli di aziende comparabili nel mercato: ci si basa su indicatori che stimano il valore della società in base a quello di realtà simili;
  2. flussi di cassa storici e previsionali (difficilmente utilizzabili nel caso in cui l’impresa sia di nuova costituzione);
  3. competenze del team;
  4. dimensioni del mercato di riferimento;
  5. esclusività delle tecnologie utilizzate;
  6. scalabilità del business.

 

Inoltre è d’uopo segnalare che la pre-money valuation può cambiare in modo significativo soprattutto quando si analizzano start-up che non hanno la possibilità di dimostrare alcuna crescita.

Spesso infatti i business plan e i documenti di molte start-up che si affacciano, ad esempio, al crowdfunding consentono di ragionare solo su proiezioni e ipotesi di fatturato. Anche per questo, elementi come fatturato e conto economico a volte non rientrano nelle metriche per ottenere la valutazione pre-money di una startup.

La valutazione post-money, al contrario, è più semplice, in quanto basta sommare l’ammontare dei nuovi capitali immessi alla valutazione pre-money dell’impresa.

Esiste infine una formula matematica che consente di mettere in relazione pre-money, investimento e post-money.

Indichiamo con la sigla Qpm la quota post-money e con I l’importo dell’investimento.

Poi nominiamo Vpre la valutazione pre-moneyVpost quella post money. Il rapporto tra le varie voci è dato dalla seguente formula:

 

Qpm = I/Vpost

Con Vpost = I+Vpre

 

ESEMPIO:

Valutazione pre-money (Vpre): 4.000.000 €

Importo dell’investimento (I): 500.000 €

La valutazione post-money (Vpost) risulta: 4.500.000 €

La quota post-money (Qpm) è pari quindi a 11,11% circa.

 

I calcoli sopra riportati, quindi, servono tanto agli startupper quanto agli investitori per capire la propria percentuale di partecipazione alla società a seguito di un aumento di capitale.

 

Avv. Giovanni Alessi

 

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci