Blog

IL PROBLEMA DEL RICICLAGGIO DI DENARO TRA BLOKCHAIN, CRIPTOVALUTE E NFT

Nell’ultimo anno il mercato delle criptovalute e dei connessi non-fungible-token (NFT) si è espanso superando anche le previsioni più rialziste, generando un giro d’affari con un valore di decine di miliardi di dollari. L’interesse crescente per tale nuovo modello di business ha fatto inevitabilmente aumentare anche le attività criminali connesse, tra cui il riciclaggio di denaro attraverso lo scambio di NFT su piattaforme online.

Gli esperti del settore hanno individuato nel c.d. wash trading una delle pratiche più comuni per realizzare operazioni di riciclaggio; in sostanza, tale attività viene effettuata dai trader vendendo propri NFT ed inviando il compenso in denaro a sé stessi – solitamente in criptovalute – utilizzando due diversi ma propri crypto-wallet.

Il problema, che può essere esteso all’intero settore della tecnologia blockchain e del mercato crypto nel suo complesso, è ravvisabile nel tracciamento degli utenti e delle loro operazioni con le valute digitali, dal momento che ciascuno può liberamente realizzare operazioni facilmente senza necessariamente dover dichiarare alcunché al fisco oppure realizzare un c.d. cashout in valute aventi corso legale.

Al fine di limitare il più possibile tali condotte, le piattaforme online di exchange che consento agli utenti registrati l’acquisto di NFT all’asta, stanno progressivamente introducendo strumenti di controllo dei medesimi soggetti, tra cui Il c.d. know-your-customers (KYC) e il c.d. anti-money-laundering (AML).

L’obiettivo dichiarato è quello di garantire una maggiore trasparenza nelle operazioni vincolando l’accesso alla piattaforma all’identificazione degli utenti, siano essi venditori o acquirenti; in questo modo, qualora si rendesse necessario un controllo da parte delle autorità competenti, la piattaforma potrà garantire una più facile e veloce verifica, incrociando i dati per determinare con certezza la provenienza e la destinazione dei fondi utilizzati nella compravendita.

Pertanto, è ragionevole aspettarsi che a breve non sarà più possibile effettuare operazioni di wash trading, dal momento che le piattaforme impediranno by default ad uno stesso soggetto di agire quale venditore-acquirente del medesimo NFT, identificandolo e bloccando di conseguenza la transazione.

 

A cura dell’Avv. Giovanni Alessi e del Dott. Emiliano Guerreschi

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci