Blog

I cambiamenti del visto H-1B

Il visto H-1B consente di impiegare personale altamente qualificato negli Stati Uniti. Tuttavia, c’è un limite su quanti candidati possono ottenere un visto H-1B ogni anno. Attualmente ci sono 65.000 visti riservati a coloro che possiedono una laurea o una specializzazione in un campo, altri 20.000 H-1B sono riservati a coloro che possiedono un master o un diploma di livello superiore ottenuto negli Stati Uniti. La parte attraente del visto H-1B è che offre un percorso alla cittadinanza per molti che non avrebbero altre opzioni.

Tuttavia, il presidente Trump ha attuato politiche come l’ordine esecutivo “Buy American, Hire American” che ha firmato nell’aprile 2018. Questa politica ordina al Dipartimento della Sicurezza nazionale di rilasciare visti H-1B solo agli stranieri più qualificati e ai beneficiari piu’ pagati. A causa di questa politica, l’ USCIS ha già iniziato ad aumentare i dinieghi H-1B e le richieste di ulteriori prove. L’impatto di questi rifiuti radicali e delle RFE (Request For Evidence) è stato sentito in molte industrie. La National Foundation for American Policy riporta: “I datori di lavoro riportano il tempo perso a causa dell’aumento dei dinieghi e le Richieste di Evidenza sono costate milioni di dollari in termini di ritardi dei progetti e sanzioni contrattuali, mentre aiutano i concorrenti che operano esclusivamente al di fuori degli Stati Uniti”.

Un altro ostacolo temporaneo nel processo H-1B è la sospensione del processo Premium per le petizioni H-1B. Tale processo è un servizio facoltativo in molte richieste di visto in cui il richiedente paga una tassa aggiuntiva e l’USCIS risponderà alla petizione entro 15 giorni. Il processo Premium è disponibile per i visti O-1, L-1 e H-1B. Tuttavia, nell’agosto 2018 l’amministrazione Trump ha sospeso tale processo per tutte le petizioni per visti H-1B fino a febbraio 2019. Attualmente si parla di reintrodurre questa sospensione, rallentando il processo H-1B per tutti coloro che avrebbero optato per l’approvazione.

Inoltre, i cambiamenti proposti avrebbero invertito il limite dei visti, limitando severamente gli H-1B a chiunque avesse conseguito un diploma di laurea. Questi cambiamenti proposti avrebbero 65.000 visti riservati a coloro che possiedono un master o un diploma di livello superiore ottenuto negli Stati Uniti, mentre solo 20.000 visti H-1B sarebbero disponibili per coloro che hanno una laurea o una specializzazione.

Non sono tutte brutte notizie per gli H-1B, un altro cambiamento proposto richiederebbe ai firmatari che cercano un H-1B di registrarsi elettronicamente con l’USCIS prima di presentare la domanda. I firmatari sarebbero quindi informati se fossero selezionati per la lotteria e a quel punto il datore di lavoro presentera’ l’applicazione H-1B. Ciò ridurrebbe il costo delle applicazioni poiché il sistema attuale richiede a tutti di presentare una petizione completa H-1B prima di sapere se si e’ stati selezionati per la lotteria. Inoltre, il passaggio a un sistema elettronico dovrebbe accelerare la procedura, forse anche riducendo la necessità del processo Premium.

Avere un team legale esperto che gestisce la tua questione d’immigrazione è più importante che mai in questo turbolento clima politico. L’amministrazione Trump e l’ USCIS stanno rendendo sempre più difficile la procedura di richiesta di visti. Contatta il team di esperti di immigrazione presso lo studio SAPG Legal per scoprire come possiamo eliminare lo stress della richiesta di un visto H-1B.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci