Blog

Ottenere visti H-1B per lavoratori altamente qualificati diventa piu’ difficile

L’amminstrazione di Trump sta richiedendo prove a sostegno in molte piu’ applicazioni per visti H-1B, i visti per lavoratori altamente qualificati, e nello stesso tempo il numero di dinieghi sta aumentando. Questo e’ quanto riportato dai dati pubblicati dall’U.S. Citizenship and Immigration Services lo scorso venerdi 22 Febbraio 2019.

Circa il 60% delle compagnie che hanno applicato a nome di lavoratori stranieri, negli ultimi quattro mesi del 2018  hanno ricevuto richiesta di ulteriori informazioni, comparato con circa il 46% dell’anno precedente e con il 28% nell’ultimo quarto del 2016. Questi dati includono le compagnie che cercano di estendere i visti per gli attuali lavoratori, ma anche applicazioni per futuri nuovi impiegati.

Il direttore dell’USCIS, L. Francis Cissna, ha promesso un controllo piu’ severo nel sistema e nelle politiche dell’immigrazione americana al fine di proteggere gli interessi dei lavoratori statunitensi. Alle compagnie viene spesso richiesto di provare che il lavoro sponsorizzato sia un’occupazione “specializzata”, uno dei requisiti per ottenere il visto. Alle aziende viene richiesto se hanno un valido rapporto datore di lavoro- impiegato con il futuro lavoratore, e di dimostrare che il lavoratore ha compiti specifichi assegnati per la durata del visto.

Secondo i dati rilasciati nel 2018 dall’USCIS, i tassi di approvazione variano significatamente per i 30 piu’ grandi utenti del sistema. Cinque delle trenta aziende hanno avuto il 99% del tasso di approvazione: Apple, Facebook, Google, Intel e Microsoft. Molte compagnie hanno un numero relativamente alto di applicazioni ma un basso tasso di approvazione, guidate dalla societa’ di servizi tecnologici Cognizant Technology Solutions Corp., che ha un 68% di tasso di approvazione, e Capgemini America Inc., con un tasso di approvazione del 60%.

In base ai dati riportati, diventa sempre piu’ importante valutare fin dall’inizio se il visto H-1B sia il visto piu’ adatto a te. Scegliere un avvocato italiano esperto di immigrazione che sia in grado di preparare una richiesta il piu’ trasparente e completa possibile e’ quindi fondamentale se non si vogliono ricevere dinieghi o richieste di ulteriore documentazione. Tale tipologia di visto permette di lavorare senza grosse restrizioni e di poter richiedere la carta verde dopo poco tempo. Tuttavia, dati i recenti sviluppi sotto l’amministrazione Trump, non è diventato un visto semplice da ottenere, in quanto riservato esclusivamente ai più qualificati e meritevoli.

Fissa un appuntamento oggi con un avvocato italiano dello studio SAPG Legal per capire quale tipologia di visto si addice di piu’ alle tue esigenze e possibilita’ di ottenimento dello stesso.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci