Blog

Analisi d’impatto del contenzioso amministrativo in materia di appalti pubblici

I dati hanno permesso di meglio comprendere l’effetto reale dei provvedimenti amministrativi attuati dal legislatore e la tendenza generale degli operatori economici.

 

Va innanzitutto puntualizzato che rispetto al numero complessivo delle procedure bandite nel biennio, i dati hanno visto una generale crescita delle gare soprattutto per gli appalti sotto-soglia.

 

Ciò è certamente dovuto al consolidarsi negli anni della legislazione e del quadro normativo attuativo, nonché delle pronunce giurisprudenziali che hanno contribuito a meglio definire i limiti e le caratteristiche di regolarità delle procedure di gara pubbliche.

 

Ben sappiamo, infatti, come negli anni le procedure di aggiudicazione pubbliche hanno subito numerosi interventi normativi (chiamati spesso “correttivi”) atti appunto a correggere le criticità presenti nelle procedure amministrative stesse, ma tali aggiornamenti della disciplina generale hanno, di fatto, prodotto una notevole incertezza giuridica in tale spazio, con l’ovvia conseguenza di ridurre il numero dei bandi pubblicati.

 

A fronte di questa rivitalizzazione nel biennio appena passato, soprattutto dei bandi sotto-soglia, il dato del contenzioso è rimasto invece sostanzialmente invariato e la ragione potrebbe risiedere negli strumenti giuridici del soccorso istruttorio e del rito super-accelerato, da poco abrogato, nonché nell’aumento esponenziale del costo economico dei contributi unificati in materia di appalti pubblici, che hanno reso più difficile e complesso il naturale corso del contenzioso.

 

Ciò potrebbe aver disincentivato il ricorso per i piccoli appalti producendo come effetto una drastica riduzione del contenzioso in materia di appalti pubblici.

 

L’effetto positivo, se così si può dire, è stata la conseguente riduzione del “blocco” giudiziario degli appalti passato dallo 0,7% al 0,3% che rappresenta un dato assolutamente in linea e compatibile con le caratteristiche delle stesse procedura pubbliche di gara trattandosi di procedure complesse a cui partecipano molteplici concorrenti.

 

Si aggiunga, soprattutto per gli appalti di elevato importo, anche il fenomeno del blocco indiretto, imputabile alla c.d “burocrazia difensiva” legato quindi all’esposizione della stazione appaltante al rischio risarcitorio (indipendentemente dalla colpa) e alla conseguente responsabilità del funzionario.

 

Tale ultimo aspetto, e le relative cause, probabilmente meriteranno l’attenzione del legislatore e misure correttive ad hoc.

 

Avv. Giacomo Matteoni

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci