Blog

Analisi d’impatto del contenzioso amministrativo in materia di appalti pubblici

I dati hanno permesso di meglio comprendere l’effetto reale dei provvedimenti amministrativi attuati dal legislatore e la tendenza generale degli operatori economici.

 

Va innanzitutto puntualizzato che rispetto al numero complessivo delle procedure bandite nel biennio, i dati hanno visto una generale crescita delle gare soprattutto per gli appalti sotto-soglia.

 

Ciò è certamente dovuto al consolidarsi negli anni della legislazione e del quadro normativo attuativo, nonché delle pronunce giurisprudenziali che hanno contribuito a meglio definire i limiti e le caratteristiche di regolarità delle procedure di gara pubbliche.

 

Ben sappiamo, infatti, come negli anni le procedure di aggiudicazione pubbliche hanno subito numerosi interventi normativi (chiamati spesso “correttivi”) atti appunto a correggere le criticità presenti nelle procedure amministrative stesse, ma tali aggiornamenti della disciplina generale hanno, di fatto, prodotto una notevole incertezza giuridica in tale spazio, con l’ovvia conseguenza di ridurre il numero dei bandi pubblicati.

 

A fronte di questa rivitalizzazione nel biennio appena passato, soprattutto dei bandi sotto-soglia, il dato del contenzioso è rimasto invece sostanzialmente invariato e la ragione potrebbe risiedere negli strumenti giuridici del soccorso istruttorio e del rito super-accelerato, da poco abrogato, nonché nell’aumento esponenziale del costo economico dei contributi unificati in materia di appalti pubblici, che hanno reso più difficile e complesso il naturale corso del contenzioso.

 

Ciò potrebbe aver disincentivato il ricorso per i piccoli appalti producendo come effetto una drastica riduzione del contenzioso in materia di appalti pubblici.

 

L’effetto positivo, se così si può dire, è stata la conseguente riduzione del “blocco” giudiziario degli appalti passato dallo 0,7% al 0,3% che rappresenta un dato assolutamente in linea e compatibile con le caratteristiche delle stesse procedura pubbliche di gara trattandosi di procedure complesse a cui partecipano molteplici concorrenti.

 

Si aggiunga, soprattutto per gli appalti di elevato importo, anche il fenomeno del blocco indiretto, imputabile alla c.d “burocrazia difensiva” legato quindi all’esposizione della stazione appaltante al rischio risarcitorio (indipendentemente dalla colpa) e alla conseguente responsabilità del funzionario.

 

Tale ultimo aspetto, e le relative cause, probabilmente meriteranno l’attenzione del legislatore e misure correttive ad hoc.

 

Avv. Giacomo Matteoni

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

Uomo d'affari fa analisi di mercato

IL TRASFERIMENTO DELLE QUOTE DI S.R.L. AI TEMPI DEL COVID

Soluzioni operative in tempi di COVID – La soluzione del DL 2018 è indubbiamente la meno costosa e la più agile nel caso in cui i soci si trovino in luoghi diversi e non possano incontrarsi, fattispecie sempre più comune in questo periodo storico.

Calcio e Big Data – le nuove frontiere

Nel calcio moderno è tutto incentrato sulla ricerca dell’1% in più, il dettaglio che può sfruttare anche la minima debolezza degli avversari e fare la differenza tra vincere e perdere.
Invece di applicare semplicemente i dati alle prestazioni tattiche, le informazioni oggettive vengono ora utilizzate in tutti i club per migliorare l’efficienza e sviluppare processi che consentano al team di essere il più preparato possibile dal campo alla sala riunioni.

Più in generale, lo sport sta cominciando a comprendere meglio il potere dell’analisi delle prestazioni e ad applicare in modo più efficiente informazioni oggettive per ottenere un concreto vantaggio competitivo.

Anche l’Italia è un paese per Trust

Anche nel 2020 i trusts sono ancora largamente fraintesi e spesso considerati come qualcosa che dovrebbe riguardare i ricchi o chi vuole nascondersi dal fisco e dai propri creditori.
Questa fama, figlia di errori commessi negli anni passati, oggi non corrisponde più al vero.

Società Di Investimento Semplice (Sis) Nuove Opportunità (Anche) Per Gli Investitori Retail

Le società di investimento semplice sono uno strumento di recente introduzione nell’ordinamento italiano.
La SIS è stata infatti pensata dal legislatore per rilanciare il settore del venture capital ed è stata finalizzata, in particolare, a supportare le PMI non quotate che si trovino in fase di avvio della loro attività, con uno strumento ad hoc, caratterizzato da agilità e facilità operativa, il quale faciliti la raccolta dei capitali occorrenti.

Contattaci