Blog

Il Recesso “consensuale”, nelle S.r.l. è possibile

Al momento di predisporre uno statuto, o di modificarlo, può accadere di interrogarsi sull’individuazione delle ipotesi che danno diritto al recesso del socio.

Infatti, il Codice Civile consente sia alle S.p.A. che alle S.r.l. di prevedere cause convenzionali di recesso, oltre a quelle già previste dalla legge, che, una volta definite, formano un gruppo chiuso modificabile esclusivamente intervenendo sullo statuto.

Tuttavia, nella prassi, si riscontra spesso l’esigenza di permettere al socio di “recedere” dalla società con il consenso di tutti gli altri soci, seppur in assenza di uno dei presupposti legali o statutari che legittimano l’esercizio del diritto di recesso.

Si tratta, dunque, di liquidare la partecipazione con risorse attinte dal patrimonio sociale a fronte dell’impossibilità di reperire acquirenti, sia fra gli altri soci sia fra terzi estranei alla compagine sociale.

In tal senso, la massima n. 53/2015 del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Firenze, Pistoia e Prato ha legittimato tale prassi, conosciuta come “recesso consensuale”.

I soci di una S.r.l., con delibera all’unanimità, possono dunque consentire la liquidazione della partecipazione di uno di loro, in denaro o con beni sociali, anche se non si è verificata una delle cause legali o convenzionali di recesso.

Il rimborso può avvenire con le modalità determinate dall’articolo 2473 c.c. mediante acquisto della quota da parte degli altri soci o da terzi, utilizzo delle riserve disponibili o, in mancanza, riduzione del capitale.

Il principale vantaggio di tale recesso consiste – oltre a superare i limiti della legge e dello statuto – nella facoltà di negoziare liberamente l’entità del rimborso che spetta al socio recedente, senza doversi attenere ai criteri di determinazione del valore stabiliti dall’articolo 2473 c.c..

Tuttavia tale modalità operativa presenta dei rischi, soprattutto qualora si riduca il capitale e i creditori si oppongano alla riduzione.

In tal caso la società non verrà messa in liquidazione e non si procederà al rimborso del recedente, che dovrà rimanere parte della compagine sociale.

Pertanto, se con il consenso di tutti i soci si può concedere a uno di loro la possibilità disinvestire la propria quota chiedendone il rimborso alla società, non è tuttavia possibile farlo ai danni dei creditori.

Avv. Francesco Sibilla

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci