Blog

Il Visto EB-1C

Il visto EB-1C e’ specifico per dirigenti che si qualificano secondo le norme relative al visto L-1A e desiderano diventare residenti permanenti. Non e’ necessario avere un visto L-1A, ma se lo si possiede la richiesta del visto EB-1C sara’ piu’ forte.

Un requisito per questo tipo di visto stabilisce che i candidati devono essere stati impiegati per un anno negli ultimi tre anni con una societa’ affiliata o sussidiaria della società di petizione statunitense. Un altro requisito importante è che il richiedente continui a fornire i propri servizi allo stesso datore di lavoro in una capacità gestionale o esecutiva. Ci sono molti altri requisiti specifici per questa tipologia di visto che dovrebbero essere discussi con un avvocato esperto dell’immigrazione.

Il visto EB-1C ha molti vantaggi, uno dei quali è che non è richiesta una certificazione PERM / lavoro, quindi il processo per richiedere una carta verde è molto meno complesso rispetto ad altre categorie di visti. Un altro importante vantaggio da considerare è che la famiglia del richiedente, in particolare il coniuge e i figli non sposati sotto i 21 anni, possono essere inclusi nella domanda e ricevere allo stesso modo la carta verde.

Una volta che il visto EB-1C e’ stato approvato, ci sono due opzioni per procedere. Se il richiedente si trova negli Stati Uniti, può richiedere un adeguamento dello stato o, se si trova al di fuori degli Stati Uniti, può scegliere che il caso sia processato tramite il Consolato nel proprio paese di origine. Se andare avanti con un processo rispetto ad un altro dovrebbe essere discusso con un avvocato esperto dell’immigrazione che sia in grado di fornirti la linea d’azione più vantaggiosa.

Contatta un avvocato italiano dello studio SAPG Legal per saperne di piu’.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci