Blog

FINTECH: LE PIATTAFORME DI LENDING

Per fintech si intende la fornitura di prodotti e servizi finanziari mediante approcci data driven basati sulla raccolta e l’elaborazione di grandi quantità di informazioni. In questo periodo storico, tali attività vengono realizzate soprattutto grazie alle piattaforme di lending.

I portali online, di cui all’art. 100-ter del TUF, sono autorizzati a raccogliere capitale mediante un’offerta al pubblico di strumenti finanziari emessi da PMI, ovvero mediante offerta di titoli di debito presso investitori professionali o altre categorie individuate dalla CONSOB. Queste piattaforme non sollevano particolari problemi poiché esiste ormai una specifica disciplina che regola accesso ed esercizio dell’attività.

Sorgono invece dubbi circa le piattaforme di lending estranee all’ambito dell’art. 100-ter, finalizzate all’incontro senza intermediazione di domanda e offerta di credito nelle sue varie forme: peer to peer lending, lendingbased crowdfunding, social lending.

In questi casi il gestore del portale mette solo a disposizione uno spazio telematico dove scambiarsi informazioni e condurre le trattative con i potenziali investitori.

Possono però insorgere problematiche derivanti dal fatto che chi vuol investire  deve valutare da solo l’affidabilità della controparte in ogni singola operazione di finanziamento.

Per tale ragione varie piattaforme iniziano ad offrire una serie di servizi collaterali, quali la valutazione del merito creditizio (c.d. rating) oppure l’abbinamento di domanda e offerta. Inoltre, tra le varie tipologie di servizi offerti, ai fini di ridurre il rischio per gli investitori, le piattaforme suddividono una richiesta di finanziamento in piccole ed omogenee parti, da collocare presso più soggetti, creando in sostanza titoli assimilabili alle obbligazioni. In questo modo il gestore della piattaforma svolge un’attività di intermediazione finanziaria ponendosi tra il richiedente ed il finanziatore. Tali operazioni sembrano però violare sia l’art. 103-ter del TUF che ammette la raccolta di capitale di credito mediante portali solo presso gli investitori professionali, che l’art. 11 del TUB che vieta la raccolta di risparmio tra il pubblico a soggetti diversi dalle banche.

In questi casi la piattaforma permette agli utenti di svolgere trattative personalizzate, quale la suddivisione dello stesso in più parti omogenee, oppure l’abbinamento automatico fra domanda ed offerta. La violazione del divieto, quindi, va imputata non alla piattaforma ma ai prenditori stessi, in quanto parti del contratto di finanziamento finale.

In conclusione, in attesa di un intervento del legislatore che regolamenti in maniera organica la materia, i soggetti interessati a tali operazioni dovrebbero rivolgersi ad esperti del settore per superare le predette criticità.

 

A cura dell’Avv. Giovanni Alessi e del Dott. Francesco Starace 

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci