Blog

L’Immigrazione Aziendale Lo Ha Reso Semplice

Quando si parla di diritto dell’immigrazione c’è spesso una paura immediata e irrazionale. Tuttavia, i visti rimangono i prerequisiti fondamentali per le imprese straniere, imprenditori e professionisti per trasferirsi o portare la loro attività negli Stati Uniti.
Questo articolo fornisce una semplice ed immediata panoramica dei cinque visti piu’ comuni per le aziende, e il punto di vista degli operatori legali interni su quali sono gli aspetti cruciali da considerare.

Visti E-1 & E-2
La categoria di visti non-immigranti E-1 e E-2 (‘Treaty Traders’ e ‘Treaty Investors’) e’ prevista per i cittadini di Paesi che hanno sottoscritto un Trattato di Commercio e Navigazione con gli Stati Uniti, e l’Italia e’ proprio uno di questi Paesi. Con un visto E-1, si può essere ammessi negli Stati Uniti unicamente per dedicarsi al commercio internazionale (Import/Export), per conto proprio oppure per altre aziende italiane. Il visto E-2 e’ previsto per quei cittadini che vogliono trasferirsi negli Stati Uniti per dirigere le operazioni di una società americana (nuova società da doversi costituire, o acquisto di una società esistente) nella quale il richiedente abbia effettuato, o sia in procinto di effettuare, un investimento sostanziale. Il periodo massimo iniziale di soggiorno concesso e’ per entrambe le tipologie di 5 anni, ma rinnovabile senza limiti.

Visto L-1
Tale visto (‘Intercomany Transferee’) permette alle societa’ di trasferire all’estero impiegati con particolari specializzazioni presso la societa’ affiliata che si trova negli Stati Uniti. Il visto L-1 dura un massimo di sette anni, ed e’ il piu’ diretto per l’ottenimento della Green Card.

Visto H-1B
Il visto H-1B (‘Temporary Professional Worker’) e’ un altro visto non-immigrante e consente a un datore di lavoro statunitense di assumere un lavoratore specializzato in alcuni settori come la scienza e medicina, architettura, ingegneria, diritto, istruzione, teologia o arte. E’ concesso per un periodo iniziale di tre anni ed e’ rinnovabile per un ulteriore periodo di tre anni. Con tale tipologia di visto si può chiedere e ottenere una Green Card.

Visto O-1
Questo tipo di visto e’ riservato a individui che dimostrano di avere straordinarie abilita’, in particolare nei settori delle scienze, delle arti, dell’educazione, degli affari, dell’atletica, dell’industria cinematografica o televisiva. Il visto O1 è di categoria non-immigrante, ma permette il cosiddetto “doppio intento”. In altre parole, il possessore di O-1 può legalmente cercare di ottenere la Green Card durante il periodo di validità del visto.

Fissa un appuntamento oggi con un avvocato italiano dello studio SAPG Legal per capire quale tipologia di visto si addice di piu’ alle vostre esigenze e possibilita’ di ottenimento dello stesso.

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci