Blog

Art Basel Miami Beach 2018

Signore e signori, e’ ufficialmente la stagione dell’arte a Miami. Il prossimo 4 Dicembre apre infatti al pubblico l’appuntamento piu’ importante per l’arte mondiale: Art Basel Miami Beach. Lanciata per la prima volta nel 1970 grazie ad un’idea dei galleristi Trudi Bruckner, Balz Hilt ed Ernst Beyeler, la regina di tutte le fiere riunisce ogni anno visitatori da ogni parte del globo, consolidando Miami la destinazione finale e dinamica per l’arte e la cultura. Una forza trainante nel sostenere il ruolo che le gallerie svolgono nel coltivare le carriere dei loro artisti, Art Basel Miami Beach espande frequentemente le sue piattaforme per includere i più recenti sviluppi nelle arti visive.

Miami Beach si è evoluta dalla sua prima Art Basel nel 2002. La fiera annuale è sbocciata nella Miami Art Week, quando decine di migliaia di visitatori e locali si godono mostre di gallerie, d’arte e altri divertimenti. La Miami Art Week si è estesa anche oltre i suoi confini originali di South Beach. Gli eventi sono programmati a Wynwood, Little Haiti, nel centro di Miami e oltre.  Saranno presenti in totale 268 gallerie, di cui 10 italiane, per 4000 artisti esposti.

Dai nightclub pop-up segreti alle feste VIP di A-list, Art Basel è una settimana entusiasmante per la vita notturna di Miami. Guy Gerber, Kaskade, Richie Hawtin, Zhu. Non è assurdo affermare che la Miami Art Week si sia trasformata in una Miami Music Week 2.0. La città si aspetta un afflusso di battitori della musica da ballo.  L’hotel Confidante è stato selezionato come quartier generale del Surf Lodge, e venerdì 7 dicembre ospiterà la cena di ArtNew e YoungArts per celebrare l’Inside Out Project. Una festa Republic Records seguirà con una performance a sorpresa. Drake, Nicki Minaj, Ariana Grande, Lorde e Post Malone sono tutti firmati a Republic, quindi le sorprese potrebbe essere grandi.

L’anno scorso, Prada ha ospitato il pop-up Prada Double Club progettato da Carsten Höller nel quartiere di Wynwood a Miami, una tappa popolare nella scena della festa di Art Basel a Miami Beach. Ospiti come Ricky Martin, Rita Ora, Diplo e Miuccia Prada sono stati avvistati al club ballando alle esibizioni dei musicisti Wyclef Jean e del Wu-Tang Clan. Quest,anno, l’edizione inaugurale di Prada Mode sta allestendo un negozio nell’elegante hotel Freehand Miami per il pubblico di Art Basel. La piattaforma fungerà da incontro culturale in vista dell’apertura ufficiale della fiera dal 4 al 6, offrendo agli ospiti e ai membri di Prada Mode un ricco programma con programmi culturali e artistici, oltre a musica e balli fino a tarda notte.

Siamo entusiasti di scoprire cosa portera’ Art Basel Miami Beach quest’anno

Condividi:

Leggi gli altri articoli del blog

ELARGIZIONI FRA CONIUGI E DONAZIONE INDIRETTA

L’istituto della donazione viene sovente utilizzato per attuare spostamenti di ricchezza, specialmente in ambito familiare.
Tuttavia, è necessario valutarne la concreta convenienza anche alla luce della presenza, nella prassi economica, di elargizioni patrimoniali indirette, ossia effettuate non tramite l’atto pubblico notarile – richiesto dalla legge per la donazione – bensì attraverso diverse forme.

GOOGLE ANALYTICS: LA PRONUNCIA DEL GARANTE ITALIANO TRA SOVRANITÀ DEL DATO E NECESSITÀ DELLE IMPRESE

Il Garante per la Protezione dei Dati, con il Provvedimento n. 224 del 9 giugno 2022, si è allineato alle posizioni assunte in precedenza dal Datenschutzbehörde (DSB) e dalla Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), dichiarando non conforme alla normativa europea il trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti tramite Google Analytics. L’Autorità ha ammonito una società italiana intimandole di adeguarsi entro novanta giorni dalla decisione.

LA FUSIONE INVERSA E LE MODALITA’ DI ESECUZIONE

La fusione inversa non è stata disciplinata direttamente dal legislatore italiano. Pertanto, le operazioni societarie in cui la controllata provvede ad incorporare la controllante pongono problemi di carattere operativo.

(AGRO) FOTOVOLTAICO: IL LEGISLATORE NAVIGA A VISTA?

Durante il boom del fotovoltaico iniziò a diffondersi la preoccupazione fra decisori e stakeholders riguardo il consumo di suolo agricolo. Questo determinò la risposta del legislatore che decise inizialmente per limitare la possibilità di installazione degli impianti su terreni a destinazione agricola. Oggi, nonostante un virtuoso cammino sulla strada della semplificazione e dell’incentivazione dei sistemi ibridi agricoltura-produzione energetica, sembra che tale progetto normativo abbia subito una brusca frenata.

Contattaci